Main Image

Next Generation: la piattaforma di gestione documentale per innovare il business

18 dicembre 2020

Iscriviti e rimani aggiornato

Categoria
Innovazione

Una piattaforma documentale o Document Management System (DMS) permette una efficiente organizzazione e gestione integrata dei documenti in formato digitale. Next Generation fa molto di più. È la piattaforma di gestione documentale realizzata da Microdata che permette anche di classificare i documenti in automatico e a estrapolare i dati in essi contenuti, automatizzando la fase di indicizzazione e data entry. Nell’arco di 3 anni di ricerca e sviluppo, durante i quali sono state investite risorse nell’ordine del milione di euro, la piattaforma Next Generation ha trovato la sua applicazione per l’efficientamento dei processi di numerosi clienti.

Strutturata come architettura di microservizi, Next Generation si presenta come sistema aperto in cui ogni eventuale modifica derivante dall’esigenza di integrare nuove tecnologie che dovessero emergere in futuro, non ne stravolge la struttura. Questa caratteristica fa sì che il suo utilizzo da parte dei clienti di Microdata sia sempre in linea con l’innovazione del business e non sia soggetto all’obsolescenza fisiologica delle tecnologie in uso. In un mercato come quello attuale, dominato da continui e spesso repentini cambiamenti (si veda la crisi pandemica), è necessario sostenere i processi adattivi delle organizzazioni. Next Generation è uno strumento potente al servizio di questo bisogno.

 

La tecnologia della piattaforma documentale Next Generation

La piattaforma documentale di Microdata dispone di algoritmi proprietari per la classificazione di dati destrutturati, in quanto provenienti da varie sorgenti, e l’estrapolazione di informazioni in modalità strutturata.

Il ricorso all’intelligenza artificiale in Next Generation, in pratica, comprende un approccio semantico evoluto con l’ausilio di modelli di machine learning, di reti neurali e di software RPA (Robotic Process Automation) in grado di trasformare i dati raccolti in processi automatizzati. La piattaforma documentale Next Generation, in tal modo, consente di svolgere tutta una serie di operazioni ripetitive e a scarso valore aggiunto che, in sua assenza, sarebbero a carico di una o di più persone dedicate. Prepara, invece, il lavoro dell’operatore, coinvolgendolo soltanto nell’“ultimo miglio” del processo, che può coincidere con la validazione di una pratica o con attività di problem solving tipiche della componente umana, valorizzandone skill superiori.

 

 

Il connubio human plus machine secondo la visione di Microdata

Per comprendere i motivi per cui la piattaforma documentale Next Generation non entra migliorale mansioni e il lavoro delle persone, è bene sottolineare che Microdata, fin dalla sua nascita, ha perseguito un’idea di connubio human plus machine come circolo virtuoso. Quest’idea si può ritrovare, ad esempio, nel volume del 2018 Human + Machine. Reimagining Work in the Age of AI scritto a quattro mani da Paul Daugherty e Jim Wilson, entrambi a capo delle funzioni di ricerca e innovazione di Accenture. La tesi del libro è che tra l’uomo e le macchine si possa (e si debba) instaurare uno scambio alla pari in cui al primo tocca lo sviluppo, la formazione e la gestione delle diverse applicazioni dell’AI, mentre le seconde restituiscono capacità potenziate, quali l’analisi in tempo reale di mole di dati talmente enormi e disomogenee che all’uomo occorrerebbero uno sforzo e un tempo eccessivi. La piattaforma documentale Next Generation è un abilitatore di questo scambio.

 

Piattaforma documentale e innovazione continua delle aziende

Da questa peculiarità, discende un vantaggio principale per le aziende che si servono della piattaforma documentale e degli altri servizi di Microdata: quello dell’innovazione continua. Innovare, infatti, non significa soltanto adottare tecnologie di frontiera come può essere, appunto, l’intelligenza artificiale. Vuol dire anche creare le condizioni ideali per fare esprimere al meglio il proprio capitale umano, coinvolgendolo in quei processi adattivi a cui si faceva riferimento all’inizio.

Non sempre è facile focalizzarsi sul business d’impresa, trovando soluzioni quanto più aderenti alla domanda del mercato, se bisogna spendere parte del tempo in attività time-consuming. Next Generation è una risposta in questa direzione, poiché permette di assolvere a quei compiti che altrimenti richiederebbero un impegno molto oneroso, con costi inerenti altrettanto elevati. Per questo la piattaforma documentale Next Generation è un alleato, insieme a Microdata, a supporto del attitudine all’innovazione delle aziende: perché le libera da ciò che è necessario fare come task ricorrente, ma che altri possono fare più velocemente, con minore spesa e con maggiore efficacia.

New call-to-action

Mostra tutti gli articoli

Iscriviti e rimani aggiornato